Il tempo che lo spettatore dedica al tuo video è una delle principali variabili che determinano il successo del tuo messaggio. Un video riprodotto dall’inizio alla fine è senza dubbio più efficace di uno che viene visualizzato solo per pochi secondi.

La soglia dell’attenzione di tutti noi, però, si abbassa di giorno in giorno e oggi il tempo medio che un utente dedica a ciascun contenuto di rado supera i 7 secondi.

Di fronte a un tempo così esiguo, la soluzione per ottenere alte percentuali di visualizzazione sarebbe produrre messaggi molto brevi, ma è difficile – se non impossibile – affidare grandi quantità di informazioni a pochi secondi di video. Non preoccuparti, questo non significa che tu debba rinunciare a promuovere accuratamente il tuo prodotto o servizio.

È necessario però ricorrere a una soluzione che ti consenta di fornire tutte le informazioni necessarie senza il rischio di perdere l’attenzione dell’utente.

Le serie di video sono una risposta efficace al tuo bisogno di comunicare con i potenziali clienti e mantenere alto il loro livello di coinvolgimento. Vediamo cosa sono e come utilizzarli al meglio.

Serie di video: suddividere i contenuti

7 secondi è il tempo medio che un utente dedica a un singolo contenuto, ma questo però non significa che se il tuo video supera questa durata perderà la propria efficacia.
Sono diverse infatti le variabili che influiscono sul livello di attenzione dello spettatore: il valore del messaggio, la qualità della sua trasposizione in formato video, l’affinità del target con il contenuto condiviso e molte altre ancora.

Inoltre 7 secondi sono un’indicazione media relativa alla soglia dell’attenzione, ma un video di 60/90 secondi ha ottime probabilità di essere visualizzato integralmente o almeno in buona parte.

Il nostro consiglio è di suddividere in modo mirato e intuitivo le informazioni che intendi condividere con il tuo target e affidarle a brevi video della durata di un minuto e mezzo al massimo.
Lo spettatore sarà disposto a dedicarti un tempo così limitato della propria giornata e se troverà informazioni utili e interessanti non esiterà a seguirti anche nei successivi video che pubblicherai.

Porta lo spettatore con te nei prossimi video

Per far sì che l’utente non ti abbandoni dopo il primo video che gli proponi, ti suggeriamo di osservare alcuni accorgimenti.

È importante che la suddivisione del contenuto segua un percorso logico e che tutti i video rispettino l’immagine coordinata del tuo brand. Vediamo insieme come fare.

Crea il flusso

La suddivisione del contenuto è una soluzione efficace per ogni genere di video. L’obiettivo è frammentare in fasi consecutive il messaggio affinché alla fine della sequenza l’utente sappia tutto ciò che serve per acquistare, contattarti o iscriversi ai tuoi canali.

Se, ad esempio, intendi vendere un software gestionale, potresti illustrarne le funzionalità in brevi video da un minuto. Assicurati che ciascun video aggiunga un’informazione utile a quello precedente e che lasci in sospeso gli aspetti che approfondirai nelle puntate successive. Giunto al termine della sequenza, l’utente avrà le idee chiare sulle potenzialità del software e sarà pronto a procedere con l’acquisto.

La serie di video è la struttura ideale anche per i contenuti formativi: fornisci allo spettatore quello che cerca, e accompagnalo nel suo percorso di crescita passo dopo passo. Grazie alla brevità dei video riuscirà a mantenere alta l’attenzione e la sequenza, strutturata nel modo opportuno, lo aiuterà ad assimilare le informazioni con naturalezza.

Guida lo spettatore lungo il percorso

Una volta catturata l’attenzione dell’utente, assicurati di non perderlo lungo il percorso: una serie di video consumata solo in parte corrisponde alla visualizzazione parziale di un unico video. Per portare con te lo spettatore da un video all’altro ti suggeriamo alcuni semplici stratagemmi:

  • Inserisci nel titolo di ciascun video la posizione che occupa nella sequenza, ad esempio: Come utilizzare il software – Parte 1; Come utilizzare il software – Parte 2 e così via;
  • Aggiungi un disclaimer o una didascalia nei commenti del video che illustri la posizione che questo occupa nella sequenza e l’elenco completo dei video con i rispettivi link;
  • se utilizzi Youtube, raccogli i video della sequenza in modo ordinato all’interno di una playlist: renderai semplice la navigazione all’utente e inoltre avrai la possibilità di condividere con un unico link l’intera serie di video.

Tieni in considerazione che, se non vuoi che l’utente si smarrisca e abbandoni la sequenza, è necessario che inizi a seguire i tuoi video a partire dal primo. Ti consigliamo di aggiungere nella didascalia di tutti i video il link al contenuto iniziale del percorso e di invitare lo spettatore a recuperare le informazioni precedenti seguendo l’ordine che hai previsto.

Diffondi la tua serie di video

Ora che hai tutti gli strumenti necessari per suddividere e strutturare la tua serie di video, è tempo di diffonderla e metterla a disposizione degli utenti in target.

Se disponi di una mailing list potresti inviare ai tuoi contatti una sequenza di email e includere in ciascuno il link al video corrispondente: nel primo messaggio proponi il video numero 1, nel secondo il numero 2 e così via. Se utilizzi uno strumento di automazione per l’invio delle email potrai anche tenere sotto controllo quanti contatti cliccheranno sul link e, qualora i risultati non fossero soddisfacenti, potrai apportare le eventuali correzioni al contenuto testuale che invita alla visualizzazione.

Per i video formativi, infine, esistono piattaforme ad hoc – LMS: Learning Management System – che vincolano l’utente alla visualizzazione ordinata della sequenza: per vedere il video numero due dovrà aver portato a termine il video numero uno e così via fino alla fine della serie. Naturalmente ciascun video potrà essere riprodotto più volte e la sequenza risulterà fluida e funzionale al corretto apprendimento.

Rispetta l’immagine coordinata del brand

Come accade per qualsiasi contenuto che diffondi per il tuo brand, anche il video deve rispettare le caratteristiche stilistiche che appartengono alla tua azienda. Colori, tono di voce, stile grafico, ritmo devono essere le costanti che garantiscono uniformità e omogeneità ai tuoi contenuti. Inoltre stabilire in partenza ogni elemento distintivo renderà veloce e agevole la fase di editing dei video e ti permetterà di ridurre i tempi di produzione complessivi.

Se anche tu vuoi realizzare una video-sequenza per distribuire i contenuti del tuo brand e fidelizzare i futuri clienti, contattaci subito e trasformeremo il tuo messaggio in una serie di puntate imperdibili.